Gli amministratori delegati di Stout che operano presso le sedi in Asia discutono della crescita economica della regione, dell'attività M&A, dei settori da tenere sotto osservazione, delle complessità del mercato e delle informazioni provenienti dagli Stati Uniti.

April 03, 2019

Le difficoltà politiche, le tensioni commerciali e la volatilità stanno aumentando la cautela con cui molti operatori del settore finanziario guardano al futuro dei mercati globali. Tuttavia, i livelli dell'attività transazionale rimangono pari o quasi ai valori più alti poiché le aziende private mirano a massimizzare il proprio valore e le private equity investono volentieri ovunque si presentino buone opportunità, sia in ambito nazionale che in quello internazionale.

Nel 2018, nell'ambito della politica mirata a espandere la presenza globale di Stout, l'azienda ha aperto nuove sedi a Hong Kong, Shanghai e Singapore. Nell'ambito di tale espansione in Asia, Stout ha inoltre aperto le porte a diversi professionisti esperti che dispongono delle competenze interculturali per gestire questo ambiente dinamico. Larry Ma, amministratore delegato di Stout ed esperto del settore, è a capo dell'azienda per la regione panasiatica e opera dalla sede di Shanghai. Il crescente team di esperti di Larry può vantare una vasta esperienza nello sviluppo strategico, nei servizi di consulenza nell'ambito di fusioni e acquisizioni (M&A) transnazionali e negli investimenti di private equity in Cina, nelle altre regioni asiatiche e negli Stati Uniti.

Abbiamo parlato con Larry e gli amministratori delegati Bruce Robinson (Shanghai), Gary Cheng (Hong Kong), Victor Tay (Singapore) e Arthur Lo (Singapore), in una aperta discussione sulle attuali dinamiche del mercato in Asia, sulle tensioni tra Cina e Stati Uniti, sulle tendenze delle attività internazionali e sulle esperienze di vita e di studio negli Stati Uniti che uniscono tutti i membri del team.

Che cosa favorisce attualmente la crescita in Asia e, nello specifico, nel volume delle transazioni M&A?

Larry: La Cina è stata la promotrice della crescita dell'economia globale per anni, mentre il paese passava da un'economia pianificata a un'economia sostenuta dal mercato. La Cina ha accolto la globalizzazione e il commercio, formato la propria forza lavoro e creato una cultura all'insegna dell'imprenditorialità e dell'innovazione.

I driver delle transazioni M&A verso l'estero in Asia sono l'acquisizione di tecnologie e il know-how nei paesi sviluppati, l'acquisizione di marchi e/o proprietà intellettuale nei paesi sviluppati, nonché l'accesso a clienti e canali nei mercati globali. In Asia, l'attività M&A è favorita dai consolidamenti del mercato in settori competitivi, la diversificazione e la penetrazione aziendale e l'arbitraggio delle valutazioni dei mercati dei capitali. Le attività M&A interne sono alimentate dalle aziende occidentali che stanno espandendo la loro presenza e sono alla ricerca di opportunità significative nei settori dei servizi e dei mercati dei prodotti di consumo in rapida crescita.

Bruce: In Cina queste dinamiche stanno consentendo lo sviluppo di una classe media che costituisce almeno 100 milioni di persone in grado di acquistare un'automobile, un appartamento o di intraprendere un viaggio all'estero. Il potere di acquisto di questa popolazione è notevole. La Cina ha costituito il maggiore mercato dell'industria automobilistica del mondo negli ultimi nove anni (28 milioni di auto vendute rispetto a circa 17 milioni negli Stati Uniti) e la maggiore fonte mondiale di spesa nel settore del turismo verso l'estero (258 miliardi di dollari spesi rispetto ai 135 miliardi di dollari spesi dai turisti statunitensi).

Victor: Nel Sud-est asiatico, i paesi ASEAN[1] hanno il regime IDE (investimento diretto all'estero) a più rapida crescita di tutti i paesi asiatici, inclusa la Cina, pari a 200 miliardi di dollari rispetto ai 120 miliardi di dollari della Cina. Ancora una volta, ciò è dovuto al rapido aumento del numero di percettori di reddito di fascia media che mirano ai beni di consumo di massa e una forza lavoro giovane e brillante con una media di 28 anni nel Vietnam e di 23,8 anni nelle Filippine.

Gary: Gli andamenti demografici stanno inoltre favorendo la crescita dei settori dell'assistenza sanitaria dei paesi con un invecchiamento demografico record come il Giappone, in cui il 25% della popolazione ha oltre 65 anni. L'invecchiamento demografico in Cina, inclusa Hong Kong, non è da meno. Per servire questa comunità anziana in espansione stanno emergendo nuovi segmenti nei settori farmaceutici, delle biotecnologie e delle tecnologie mediche.

Quale impatto sta avendo l'attuale clima politico sul panorama transazionale globale?

Bruce: La guerra commerciale sino-statunitense ha avuto un impatto negativo sul panorama transazionale globale, poiché l'attività M&A complessiva correlata alla Cina è diminuita del 42% nel 2018. I flussi M&A verso l'estero pari a 105 miliardi di dollari hanno fatto scendere la Cina al quarto posto dietro agli Stati Uniti (233 miliardi di dollari), il Giappone (184 miliardi di dollari) e il Canada (116 miliardi di dollari). Si tratta della prima volta dal 2013 che il Giappone si è qualificato davanti alla Cina come la maggiore fonte di attività M&A verso l'estero dell'Asia, anche se principalmente grazie a una transazione di grandi dimensioni (l'acquisizione di Shire da parte di Takeda Pharmaceuticals). In aggiunta alle tensioni commerciali, il rallentamento delle attività M&A della Cina sono attribuibili al ridimensionamento della leva finanziaria nell'ambito del prestito bancario e al minore flusso di capitali in valuta estera, aspetti che hanno avuto un impatto negativo sul settore privato in Cina.

Larry: La Cina continua a cercare transazioni verso l'estero, anche se in modo più disciplinato nell'ambito dei prezzi e della leva e con un'attenzione ai settori con una maggiore probabilità di ricevere l'approvazione del governo. Inoltre, nel 2019 la Cina ha adottato nuove politiche per incoraggiare gli IDE nei settori dei servizi dell'assistenza sanitaria e del servizi ai consumatori/professionali che diverranno presto disponibili per una percentuale fino al 100% degli investimenti da parte del capitale estero. La Cina incoraggia addirittura le imprese estere o le joint venture sino-estere ad accedere al proprio mercato azionario. Nutriamo buone speranze sulla possibilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano presto un accordo commerciale e che l'attuale clima politico tra i due paesi si trasformi in una collaborazione a lungo termine.

Victor: In relazione alla tensione commerciale sino-statunitense, il Sud-est asiatico ha registrato un nuovo slancio nelle attività lato vendita, poiché le aziende della regione con legami commerciali sia con gli Stati Uniti che con la Cina sono diventate piattaforme strategiche per il commercio, le spedizioni transnazionali e l'accesso ai mercati ostacolati dalle barriere commerciali. Le solide attività acquisitive cinesi a Singapore sono servite da trampolino verso i mercati ASEAN, statunitense ed europeo. Analogamente, le aziende con sede negli Stati Uniti e in Europa stanno acquisendo aziende del Sud-est asiatico per accedere al mercato della Cina.

Gary: Il settore dell'assistenza sanitaria ha registrato uno spostamento verso il Sud-est asiatico e l'India per l'attività M&A poiché le tensioni tra Cina e Stati Uniti hanno continuato a salire. Ad esempio, nel 2018 sono state completate 154 transazioni nel settore dell'assistenza sanitaria, in salita rispetto alle 141 del 2017. I paesi chiave includono l'India, Singapore, l'Indonesia e la Malesia.

Arthur: Si prevede che, anche se l'attuale guerra commerciale sino-statunitense si risolverà, tali tensioni commerciali continueranno mentre le due maggiori economie mondiali gareggiano per conquistare la posizione di leadership. Tali continue tensioni commerciali sino-statunitensi condurranno a un aumento delle opportunità M&A per le società M&A ben posizionate per servire i clienti statunitensi e asiatici. Ad esempio, molte multinazionali e i grandi produttori cinesi dovranno diversificare la catena di fornitura rispetto ai grandi stabilimenti cinesi esclusivamente nazionali e creare funzionalità di produzione nel Sud-est asiatico per servire il mercato statunitense.

Mentre molte delle tigri asiatiche originarie (Singapore, Taiwan, Hong Kong, Corea del sud) e le economie del Sud-est asiatico riorganizzano le loro economie per puntare alle tendenze tecnologiche emergenti, molte delle rispettive aziende di produzione principali potrebbero risentire di una perdita di capacità di scala in quanto la produzione si è spostata verso la Cina negli anni '90 e nei primi anni del XXI secolo. Pertanto, i grandi produttori hanno a disposizione un'ampia gamma di obiettivi di consolidamento nella suddetta regione mentre procedono a questo esercizio di diversificazione. Le valutazioni inferiori e gli elevati flussi di cassa di tali aziende qui in Asia indicano che tali operazioni di consolidamento e diversificazione possono essere compiute a prezzi relativamente più bassi rispetto ad altre aree.

In che modo le questioni e le preoccupazioni sulla sicurezza nazionale influiscono sul flusso transazionale rispetto agli Stati Uniti, ad esempio in relazione al CFIUS (Committee on Foreign Investment in the United States, Comitato sugli investimenti esteri negli Stati Uniti) e alla FIRRMA (Foreign Investment Risk Review Modernization Act, ordinanza sulla modernizzazione della revisione dei rischi degli investimenti esteri)?

Larry: Gli ostacoli normativi statunitensi alla ricezione di investimenti esteri, soprattutto dalla Cina, hanno avuto un impatto negativo sul flusso transazionale in Asia. Molte aziende cinesi hanno rinunciato a prendere in considerazione le opportunità M&A negli Stati Uniti per paura di essere rifiutate dal CFIUS o dalla FIRRMA in una fase successiva del processo. I settori correlati alla tecnologia hanno subito particolarmente gli effetti negativi di queste considerazioni e della nuova realtà di sfide normative negli Stati Uniti.

Arthur: A supporto di quanto segnalato da Larry, le aziende cinesi non possono più acquistare tecnologie negli Stati Uniti. Tuttavia, gli Stati Uniti non sono l'unica fonte di tecnologie all'avanguardia. A Singapore, A*Star, agenzia di ricerca e sviluppo (R&S) del governo di Singapore, sta effettuando un significativo investimento R&S in settori di importanza primaria quali produzione avanzata, intelligenza artificiale, scienze biomediche e di assistenza sanitaria ed economia digitale. La sua strategia dichiarata è costituita dall'esclusiva commercializzazione di tecnologie comprovate, garantendo agli acquirenti e agli investitori lungimiranti l'opportunità di selezionare e collaborare con aziende con risultati R&S comprovati.

Bruce: Molte aziende cinesi stanno diventando più riluttanti a perseguire transazioni che il governo statunitense potrebbe considerare problemi di sicurezza nazionale, comprese alcune società che non avevano considerato questi aspetti prima del rifiuto della transazione Ant Financial/Money Gram a gennaio 2018, bloccata dal CFIUS. Poiché Money Gram è un'azienda di servizi finanziari rivolta ai clienti, all'apparenza sembrava trattarsi di un'area non tecnologica e non sensibile per gli investimenti esteri.

Victor: Le discussioni sulle restrizioni e sulle normative CFIUS e FIRRMA hanno rallentato il flusso di transazioni M&A provenienti dalla Cina. Nel 2019 abbiamo notato una ripresa e una stabilizzazione delle transazioni M&A. Si nota una maggiore creatività e un'accelerazione delle acquisizioni nei settori più nuovi, tra cui e-payment, e-wallet, bitcoin e blockchain che collegano i mercati di New York, Londra, Singapore e Hong Kong. Nel Sud-est asiatico, la Monetary Authority of Singapore è stata l'autorità leader del settore grazie alla costituzione di un sandbox normativo in cui testare i nuovi mercati, attirando così una nuova comunità di investitori e acquisitori.

Quali sono i settori da tenere sotto osservazione in Asia?

Victor: In Asia si sono registrate tendenze in crescita in quattro segmenti: Oro (crescita della popolazione), Argento (invecchiamento demografico), Verde (ambientale) e Smart (tecnologia). L'ambito Oro pertiene alle città con popolazioni in rapida crescita e un potenziale di approvvigionamento in aumento. I raggruppamenti di città stanno costituendo inoltre delle mega-regioni (ad esempio la regione del Delta del Fiume delle Perle in Cina) con un crescente consumo di prodotti alimentari, e-commerce e agricoli. Si considerano importatori netti.

L'ambito Argento denota i settori che servono le popolazioni con un crescente aumento dell'invecchiamento demografico in Giappone, Hong Kong e Singapore. In queste regioni, i settori dell'assistenza sanitaria, dei dispositivi medici, assicurativo e farmaceutico registreranno un maggiore consumo. Anche l'ambito Verde, ad esempio i segmenti dell'ingegneria ambientale, delle energie alternative, dei pannelli solari, dei biocombustibili e dell'agricoltura, registrerà una crescita. La Cina è già il paese con il maggiore impiego di energie alternative del mondo. Mentre le città stanno adottando sempre di più le tecnologie intelligenti, si sono registrate attività di acquisizione e consolidamento delle aziende operanti nel campo delle tecnologie intelligenti specializzate nell'Internet of Things (IoT), nei dispositivi integrati, nel cloud computing, nelle funzionalità bitcoin e blockchain.

Larry: In Asia si registra ancora un impulso rialzista in termini di attività M&A. In aggiunta all'analisi di Victor, dovremmo prestare attenzione ai settori dell'intelligence, dell'assistenza sanitaria, della sicurezza e quelli orientati all'ambiente. I settori correlati all'intelligence, ad esempio quello dei semiconduttori, dell'automazione industriale e dell'IoT, nonché le nuove economie basate sulle funzionalità Internet per dispositivi mobili, sono stati molto attivi nelle attività M&A strategiche e di finanziamento di capitali di rischio. I settori dei servizi di assistenza sanitaria, dell'alimentazione e degli integratori alimentari, dei dispositivi medici e delle biotecnologie stanno crescendo rapidamente grazie allo sviluppo della classe media e alla maggiore consapevolezza nell'ambito della salute. Anche i settori della sicurezza, ad esempio quelli degli alimenti e dei farmaci e della sicurezza ambientale, stanno registrando uno sviluppo positivo. I settori verdi, inclusi quello dei veicoli elettrici e alimentati a idrogeno, del riciclo e trattamento dei rifiuti e del controllo dell'inquinamento idrico e atmosferico, vengono estremamente incoraggiati dal governo cinese.

Bruce: Nei mercati in via di sviluppo è inoltre opportuno osservare le aziende affermate per l'agevolazione nella creazione di infrastrutture quali servizi bancari, logistica, telecomunicazione e marchi nel settore dei beni di consumo. Nei mercati più sviluppati continueremo a registrare una crescita nei settori della tecnologia, della robotica, delle energie alternative e dei prodotti chimici speciali.

Gary: Come gli Stati Uniti, anche in Asia sta arrivando l'assistenza sanitaria digitale. L'attuazione di tale trasformazione è indicata dal maggiore interesse delle aziende innovative al di fuori dell'assistenza sanitaria, come Tencent e Alibaba, nei confronti del settore sanitario. Le nuove piattaforme per aumentare l'accesso in tale settore si stanno affermando sempre di più in Cina con aziende come WeDoctor e Ping An Good Doctor. Nel 2018 gli investimenti nel settore dell'assistenza sanitaria digitale in Asia, compiuti principalmente da Cina e India, hanno totalizzato 6,3 miliardi di dollari.

Quali sono i principali interessi dei clienti asiatici in termini di opportunità negli Stati Uniti?

Larry: Storicamente, i clienti asiatici preferiscono acquisire aziende statunitensi in situazioni di critiche, poiché molte hanno mirato all'acquisizione di tecnologie o marchi sfruttabili nei propri mercati nazionali in Asia. Tuttavia, un numero crescente di clienti asiatici è attualmente interessato ad approcci joint-venture o di concessione delle licenze tecnologiche anziché all'acquisizione di aziende in situazioni di crisi. D'altro canto, i clienti asiatici desiderano anche entrare nel mercato statunitense mediante l'acquisizione di attività che potrebbero costituire un trampolino di lancio per la crescita. Questi clienti sono pertanto alla ricerca di aziende con forti vendite, elevate capacità di distribuzione o funzionalità di canale nel mercato statunitense.

Escludendo i settori sensibili come quelli dei semiconduttori, della robotica e dell'intelligenza artificiale, i segmenti interessanti per i clienti asiatici includono i prodotti chimici speciali (o nuovi materiali), i prodotti industriali di precisione (inclusi i componenti auto), i prodotti farmaceutici e i dispositivi medici, le tecnologie a energia pulita e le tecnologie correlate alla protezione ambientale.

Arthur: Un aspetto ancora più importante è determinare quali tipi di opportunità dovrebbero cercare i clienti statunitensi qui in Asia. L'attuale tendenza delle nuove tecnologie emergenti al di fuori degli Stati Uniti e l'esigenza di diversificazione della catena di fornitura indicano che vi sono sia l'esigenza che l'opportunità per le aziende statunitensi lungimiranti di acquisire un vantaggio sui concorrenti, poiché le capacità produttive e tecnologiche possono essere ancora acquisite a prezzi interessanti.

Victor: Sebbene una notevole percentuale di tecnologie provenga dagli Stati Uniti, la Cina ha generato molte tecnologie creative, oltre al mercato dei beni di consumo più grande del mondo. Attualmente, i paesi ASEAN stanno fungendo da intermediari e piattaforme di collegamento strategiche che operano sia con gli Stati Uniti che con la Cina sia nell'ambito degli scambi tecnologici che del commercio delle materie prime.

Come riuscite a operare nell'ambito delle complessità del mercato asiatico?

Larry: Innanzitutto, la comprensione culturale è un elemento fondamentale. L'Asia è costituita da molti paesi con contesti culturali diversi. Il nostro team dispone di una profonda comprensione delle diversità culturali di tutte le regioni. In secondo luogo, ci concentriamo sui mercati dei servizi finanziari principali in cui si registrano solide attività M&A. Le nostre sedi di Shanghai, Hong Kong e Singapore ci forniscono una grande capacità di individuare le opportunità M&A nella Grande Cina e nel Sud-est asiatico.

Bruce: Incoraggiamo i nostri clienti a sviluppare un'intenzionalità mirata in termini delle loro strategie di accesso al mercato o M&A. Ancora più importante è l'assistenza che forniamo loro mediante eccellenti capacità esecutive sul campo. L'antico adagio "una buona strategia ben eseguita è molto più efficace di una grande strategia eseguita in maniera inadeguata" è particolarmente vero in Cina, dove i cambiamenti frequenti e imprevisti sul campo richiedono la capacità di adeguarsi rapidamente da parte del team.

Arthur: In Asia sono presenti molte aziende a conduzione familiare che hanno contribuito all'espansione delle economie delle tigri asiatiche e del Sud-est asiatico durante gli anni '80 e '90. Molti di questi fondatori di prima o seconda generazione stanno valutando le opportunità di uscita, soprattutto se non vi sono successori immediati o se le loro aziende richiedono un intervento di scala che solo un partner strategico più grande può fornire. Molte di queste attività dispongono inoltre di molta liquidità con operazioni solide in funzione e un'apertura nella valutazione degli acquirenti ideali. Se gli acquirenti riescono a costruire un rapporto di fiducia con i proprietari, potranno costituire una forte partnership per gli anni a venire. Il nostro team è dotato dell'esperienza e delle competenze per aiutare a stabilire e valorizzare questo rapporto di fiducia.

Victor: Queste attività a conduzione familiare sono state i pilastri della crescita e della capitalizzazione in diversi mercati azionari. L'etica aziendale, i valori familiari, l'integrità e la cultura rimangono la base fondamentale per la facilitazione delle transazioni in tutte le regioni asiatiche.

Quali sono gli aspetti che le aziende statunitensi devono comprendere da un punto di vista culturale per intraprendere attività commerciali in Asia?

Larry: Quando tentano di accedere ai mercati asiatici, le aziende statunitensi trovano difficile comprendere appieno le esigenze dei clienti e dei consumatori locali, soprattutto nelle attività orientate ai servizi. Pertanto, la possibilità di collaborare con un forte partner locale è essenziale per operare in Asia rispetto ad altri mercati sviluppati. Le aziende statunitensi dovrebbero essere aperte alla collaborazione con i partner locali anziché mirare al controllo assoluto. È inoltre fondamentale adeguarsi agli ambienti concorrenziali e normativi locali sempre in rapido cambiamento.

Bruce: Non ogni modello aziendale o prodotto può essere trapiantato direttamente in Asia. Spesso, è necessario apportare alcune rettifiche per adeguare l'offerta ai gusti e alle preferenze locali. Questi dati fondamentali possono essere ottenuti ingaggiando e ascoltando i manager locali che comprendono le esigenze dei clienti locali. Gli operatori esteri devono inoltre apprezzare la grande velocità con cui si conducono gli affari qui in Cina. Il fenomeno "China time" ("tempo cinese") corrisponde alla realtà. I responsabili decisionali presso le sedi internazionali devono rispondere in termini di ore e giorni, non settimane e mesi.

Quali sono gli aspetti che ricordate meglio dei vostri soggiorni e studi negli Stati Uniti? Come ha influito la vostra esperienza di vita/studio/lavoro negli Stati Uniti sul modo in cui operate attualmente?

Larry: Dopo aver conseguito il Master of Business Administration negli Stati Uniti, ho lavorato a Singapore, negli Stati Uniti e a Hong Kong per oltre 12 anni prima di tornare in Cina alla fine del 2003. Ciò che apprezzo maggiormente di tale esperienza è aver avuto la possibilità di imparare a collaborare in modo efficace in team con persone provenienti da culture e contesti diversi. Ho anche sviluppato una comprensione molto più approfondita della cultura occidentale e delle sue modalità di svolgere affari, che mi ha consentito di operare da collegamento tra le aziende occidentali e le controparti cinesi.

Consiglio spesso i nostri clienti cinesi di prestare attenzione ai dettagli e ai documenti legali, incluse le clausole di garanzia e le rappresentazioni standard. Evidenzio l'importanza di rispettare gli accordi giuridicamente vincolanti. La Cina è una società economica basata sulle relazioni e molti uomini d'affari tendono a utilizzare accordi articolati in modo vago che possono causare fraintendimenti. Personalmente, assisto i clienti occidentali ad affrontare diversi tipi di problemi di conformità o di mancata conformità per consentire la conclusione delle transazioni. La nostra vasta esperienza delle pratiche locali e delle modalità occidentali in relazione alla conformità ci consente di attingere a informazioni approfondite e alla capacità di evitare insidie potenziali, nonché di risolvere i problemi.

Bruce: Sono nato e ho studiato negli Stati Uniti. Prima di trasferirmi in Cina, nel 2005, ho avuto una vasta carriera nell'ambito dell'investment banking a New York e a Boston dagli anni '90 all'inizio del decennio 2000-2010 con aziende quali Salomon Brothers, Citigroup e Bank of America Securities. La mia esperienza nella consulenza di multinazionali nordamericane mi ha consentito di avere gli strumenti per comprendere le loro preoccupazioni e aiutarle a gestire l'esecuzione e l'integrazione di transazioni M&A nei mercati esteri.

Arthur: Ho conseguito tutti i miei titoli, inclusi quelli post-laurea, presso università statunitensi e ho lavorato in quasi ogni paese asiatico per diverse aziende, tra cui joint venture statunitensi e cinesi. Ciò mi ha consentito di ottenere una prospettiva unica sul modus operandi delle aziende statunitensi e cinesi. Sebbene siano stati scritti molti libri sull'argomento, nulla è più efficace di un consulente affidabile con esperienza diretta di questi mercati.

Victor: Aver studiato negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e a Singapore mi ha consentito di sviluppare una modalità di ragionamento occidentale per la risoluzione dei problemi. Ho iniziato la mia carriera in Asia con un'azienda di consulenza strategica, grazie alla quale ho avuto esperienze approfondite nell'ambito delle collaborazioni d'affari asiatiche basate sulle relazioni. Negli anni successivi ho lavorato con multinazionali, governi, camere di commercio, università e organizzazioni non governative. Queste esperienze mi hanno consentito di sviluppare una combinazione unica di competenze culturali e mi hanno dato la rara opportunità di sperimentare con culture organizzative sia pubbliche che private.

Gary: Sono cresciuto negli Stati Uniti, dove ho frequentato il college e l'università e ho trascorso gran parte della mia giovinezza. Tuttavia, ho vissuto gran parte della mia vita adulta in Asia, dove opero da oltre 30 anni nel settore dell'assistenza sanitaria. In Asia stiamo assistendo a un miglioramento della qualità in tutti i settori sanitari e ritengo che questa regione sarà l'incubatrice dell'innovazione nei prossimi 20 anni.


  1. ASEAN (Association of Southeast Asian Nations, Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico), che include Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar (Birmania), Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam.

Professionisti correlati

Tutti i professionisti correlati